The role of the Occupational Physician in the identification and evaluation of risk agents and interaction with the other professionals involved

Giovanni Battista Bartolucci, Mariella Carrieri, Maria Luisa Scapellato

Abstract


Risk Assessment (RA) is aimed to assess the possibility or quantify the probability that the adverse health effects occur and represents the necessary knowledge to guide the preventive actions (elimination, reduction and / or control of risks), to organize the activities of information and training on risks and on the protection measures and to planning the health surveillance of workers. From a procedural point of view, RA is a multi-stage and multi-expertise activity carried out in close collaboration between the various figures of prevention such as the Head of the Prevention and Protection Service, whom can collaborate with specific professionals (industrial hygienists, safety experts, ergonomists, occupational psychologists, etc.), and the Occupational Physician. The latter, being the only one able to link the man and his health to the complex of activities, plays an important control role in the quality assessment of RA, both in relation to its direct participation in the procedure and in examination step of the Risk Assessment Document when the RA has been made by other operators of prevention.


Keywords


Risk assessment; occupational physician; health surveillance

Full Text:

PDF (Italiano)

References


Albonetti, A., Arcari, C., Ariano, E., Bosi, A., Cantoni, S., Carnevale, F., Cassinelli, C., Di Stefano, S., Ferdenzi, P., Ferrari, M., Ganzi, A., Govoni, C., Marchesini, B., Migliorini, M., Miligi, L., Passera, G., Veneri, L. Modello di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi per la salute ad uso delle piccole e medie imprese in aplicazione al titolo VII-bis D.Lgs. 626/94, in Atti del Convegno RisCh 2003 “La valutazione del rischio e dell’esposizione ad agenti chimici pericolosi. I modelli/algoritmi, le strategie di misurazione, l’assistenza alle imprese, la vigilanza, il rischio moderato, i problemi aperti.”, Modena, 17 ottobre 2003, 59-92.

Apostoli, P., Bartolucci, G.B., Imbriani, M., Mutti, A., Ambrosi, L., 2002. Usque tandem? Riflessioni sul decreto Lagislativo 2 febbraio 2002 n. 25. G Ital Med Lav Erg, 24, 99-111.

Apostoli, P., Bartolucci, G.B., Imbriani, M., 2003. Sempre a proposito di D.Lgs 25/02: la sorveglianza sanitaria prevista e quella necessaria per i rischi chimici. G Ital Med Lav Erg, 25, 3-11.

Apostoli, P., Cortesi, I., Baldasseroni, A., Cristaudo, A., Imbriani, M., Magrini, A., Mutti, A., Candiani, G., Daghini, R., Bertazzi, P.A., Isolani, L., Manno, M., Mosconi, G., Ossicini, A., Romano, C., Dri, P., Abbritti, G., 2009. Gli strumenti di orientamento e aggiornamento del Medico del Lavoro della Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale (SIMLII): criteri e metodi di produzione. G Ital Med Lav Erg, 31, 371-406.

Associazione Ambiente e Lavoro. Chemical Exposure Operating Evaluation (CHEOPE). Dossier Ambiente n. 58, 2° trimestre, 2002.

AA.VV., 2005. Atti del Simposio Medici del Lavoro ed Igienisti Industriali: compiti e ruoli nella valutazione del rischio e nel monitoraggio dell’esposizione. Parma, 6 ottobre 2005 (68° Congresso Nazionale SIMLII). G Ig Ind, 30, 148-190.

AA.VV., 2008. Atti del Convegno Nazionale Ricerca e dimostrazione formale delle basi scientifiche delle prove di efficacia in medicina del lavoro. Mosconi G., Riva M.M., Mangili A., Apostoli P. (Eds). G Ital Med Lav Erg, 28 (Suppl. 1), 131-215.

AA.VV., 2009. Atti del Seminario Medici competenti – Tecnici consulenti: una interazione necessaria. Bologna, 10 giugno 2009 (Ambiente Lavoro 2009 - 12° Salone della qualità e sicurezza sul lavoro). G Ig Ind, 34, 142-185.

Bartolucci, G.B., 2010. Il ruolo del medico competente nella valutazione del rischio chimico. G Ital Med Lav Erg, 32 (Suppl.4), 366-369.

Bartolucci, G.B., Bovenzi, M., Cassano, F., Cortesi, I., Cottica, D., Giachino, G.M., Manno, M., Mutti, A., Nano, G., Pira, E., Scapellato, M.L., Selis, L., Soleo, L., Apostoli, P., 2004. Linee Guida per la valutazione del rischio, in Apostoli P., Imbriani M., Soleo L., Abbritti G., Ambrosi L. (Eds) Linee guida per la formazione continua e l'accreditamento del medico del lavoro, Tipografia PIME Editrice, Pavia, 2004.

Bartolucci, G.B., Carrieri, M., Scapellato, M.L., Gori, G., Manno, M., Apostoli, P., 2009. Il monitoraggio biologico in igiene industriale. G Ig Ind, 34, 44-51.

Bartolucci, G.B., Santantonio, P., Casciani, M., Dagazzini, I., 2010. Ruolo e integrazione delle figure tecniche della prevenzione nella gestione aziendale. G Ital Med Lav Erg, 32, 408-411.

Binetti, R., Cappelletti, F., Graziani, R., Ludovisi, G., Sampaolo, A. Metodo indicizzato per l’analisi e la valutazione del rischio di determinate attività industriali. Fogli di informazione ISPESL, 1989.

Coggiola, M., Baeli, C. Decreto Legislativo 2 febbraio 2002, n. 25: modello applicativo proposto dalla Regione Piemonte per la valutazione del rischio chimico, in Atti del Convegno RisCh 2003 “La valutazione del rischio e dell’esposizione ad agenti chimici pericolosi. I modelli/algoritmi, le strategie di misurazione, l’assistenza alle imprese, la vigilanza, il rischio moderato, i problemi aperti.”, Modena, 17 ottobre 2003, 93-109.

Colombi, A., 1996. A proposito di valutazione del rischio. Med Lav, 87, 171-173.

Cottica, D. Criticità e peculiarità delle metodologie per la misurazione degli agenti chimici al fine di predisporre una corretta valutazione dell’esposizione. Atti del Convegno RisCh 2003 “La valutazione del rischio e dell’esposizione ad agenti chimici pericolosi. I modelli/algoritmi, le strategie di misurazione, l’assistenza alle imprese, la vigilanza, il rischio moderato, i problemi aperti.”, Modena, 17 ottobre 2003, pp. 197-208.

EU-OSHA, European Agency for Safety and Health at Work. Priorites for occupational safety and health research in EU-25. Working Environment information-Working Paper, 2005.

Galatola, E., Colombo, S., Pavanello, R. Primo confronto tra differenti metodi di valutazione dei rischi, in Atti del Convegno RisCh 2003 “La valutazione del rischio e dell’esposizione ad agenti chimici pericolosi. I modelli/algoritmi, le strategie di misurazione, l’assistenza alle imprese, la vigilanza, il rischio moderato, i problemi aperti.”, Modena, 17 ottobre 2003, 111-120.

Gori, G., Carrieri, M., Bonfiglio, E., Scapellato, M.L., Zancarli, S., Bartolucci, G.B. Il rischio chimico: confronto fra valutazione con algoritmo e con indagine ambientale, in Atti del 10° Convegno di Igiene Industriale “Le Giornate di Corvara”, Corvara (BZ), 31 marzo-2 aprile 2004, 279-282.

IUPAC, 1993. Glossary for Chemists of Terms used in Toxicology. Pure Appl Chem, 65, 2003-2122.

Manno, M., 2011. Applicazioni ed esperienze internazionali in tema di monitoraggio biologico: stato dell’arte. G Ital Med Lav Erg, 33, 276-278.

Mosconi G., Albini E., Spada S., Romeo L., Apostoli P. Position Paper sulla valutazione dello stress lavoro correlato. Documento SIMLII 2013 (www.simlii.it).

Mosconi, G., 2009. La sorveglianza sanitaria nell’artigianato e nella piccola impresa: quale organizzazione? G. Ital Med Lav Erg, 31 (Suppl. 2), 307-311.

Mosconi, G., Bartolucci, G.B., Apostoli, P. 2014. Il ruolo del medico competente nella valutazione del rischio. G Ital Med Lav Erg, 36, 69-77.

Mutti, A., 1996. La valutazione del rischio: un confine ambiguo tra tecnica e cultura della prevenzione. Med Lav, 87, 173-175.

Mutti, A., 2011. Basi e prospettive del monitoraggio biologico: dall’analisi di singoli composti nel sangue o nelle urine alla caratterizzazione dell’esposoma nell’aria esalata. G Ital Med Lav Erg, 33, 273-275.

Nano, G., Sesana, G., Sala, C., Cottica, D., 2003. La valutazione del rischio da agenti chimici: approccio storico. G Ig Ind, 28, 8-14.

Nano, G., Sordelli, D. Strategie di controllo dei fattori di rischio chimico negli ambienti di lavoro. Guide Operative di igiene industriale, AIDII Milano, 1990.

NAS, National Academy of Science. Risk Assessment in the Federal Government: managing the process. National Academy of Science, National Academy Press, Washington, D.C. 1983.

Romano, C., Discalzi, G.L., Baracco, A., Capellaro, E., Coggiola, M., Giachino, G.M., Marconcini, M., Meliga, F., Palmas, A., Pira, E., Piolatto, P.G., Perrelli, G., 1996. Valutazione del rischio un metodo quantitativo ad indici relativo ai rischi per la salute. Folia Med, 67, 171-186.

Santantonio, P., Casciani, M., Bartolucci, G.B., 2008. I sistemi di gestione della salute e della sicurezza: scenari e prospettive per i medici del lavoro. G Ital Med Lav Erg, 30, 90-94.

Sciarra, G., Aprea, M.C., Cardelli, G., Giglioli, S., Luni, S., Nanni, C., Ridoni, M., Lucietto, L., Giomarelli, A., Fantacci, M., Marianelli, E., 2010. Il documento di valutazione del rischio chimico: esperienze nelle piccole imprese. G Ital Med Lav Erg, 32 (Suppl.4), 125-128.

SIMLII, Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale. Programma di mandato della Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale 2011-2014. Documento SIMLII, 2011 (www.simlii.it).

Tuggle, R.M., 1982. Assessment of occupational exposure using one-side tolerance limits. Am Ind Hyg Assoc J, 43, 338-346.


Refbacks

  • There are currently no refbacks.




Copyright (c) 2017 Giovanni Battista Bartolucci

© 2015 IJOEHY eISSN: 2464-8817 Associazione Italiana degli Igienisti Industriali |